GamesLab

Icon Icon Icon

Game Culture, with a Random Attitude

Welcome (back)

A volte le cose succedono in fretta.

La conversazione che ha riportato in vita GamesLab può essere contenuta in una piccola finestra di un programma qualsiasi di messaggistica istantanea. A dire la verità, è stato quasi automatico. Onori (e oneri) a Filippo per aver posto LA domanda.

Citerei Valentina:

Dopo due anni di attività, discussioni e tanti momenti piacevoli insieme, molti di noi hanno trovato altre strade e si stanno concentrando sul “mondo fuori dall’università”. L’esperienza del GamesLab è stata piacevole e stimolante e speriamo tutti che in un futuro non troppo remoto possiamo tornare ad occuparci di videogiochi “with an Academic Attitude”.

Nel frattempo, molti di noi lavorano o hanno avuto esperienze nel settore videoludico e questo è stato uno degli importanti risultati del gruppo: riuscire a entrare in contatto con la realtà lavorativa, farne parte e cominciare il proprio percorso di carriera personale.

Ed è vero. Publishing, sviluppo, localizzazione, distribuzione, giornalismo. Abbiamo in parte colonizzato l’industria italiana, trascinati al di là di tutto dalla passione.

Ecco perché rinasce GamesLab, per condividere ciò che stiamo imparando. Per scrivere di videogiochi con la consapevolezza di quello che succede prima di scartarne la custodia o confermarne il download.

Post-academic Attitude.

Share:
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • MySpace
  • Reddit
  • Slashdot
  • StumbleUpon
  • Tumblr
  • Twitter

Category: About

Tagged:

One Response

  1. Frank scrive:

    Wow! Si torna in azione!

    Dopo secoli di assenza per caso mi è venuto il frinco di curiosare il cimitero del Gameslab e scopro che… è tornato in vita!
    YEAH! Frank presente per dare un contributo!

    Certo, non lavoro nel settore come alcuni degli altri (per ora almeno)… ma penso che qualche articolo a base di sarcasmo ci voglia sempre!

    Quindi, se posso, rientrerei nel team!

Leave a Reply